CAFFE’ ESPRESSO

7 gennaio 2021 - Dollaro debole, tassi Usa in rialzo ...

Altissima tensione ieri a Washington, dove si è consumata una gravissima crisi politica con eventi senza precedenti da oltre due secoli nella storia della democrazia Usa. Centinaia di sostenitori di Donald Trump hanno preso d'assalto e occupato Capitol Hill. I lavori del Congresso per la proclamazione di Joe Biden sono ripresi dopo una lunga interruzione, sotto la stretta vigilanza delle forze dell'ordine. Quattro i morti negli scontri, secondo la polizia.

Eurostat diffonde la stima 'flash' dell'inflazione della zona euro, con attese di un calo di 0,2% su base tendenziale.

Galleggia sui minimi da quasi tre anni l'indice del dollaro sulle principali controparti, dopo la vittoria dei democratici al Senato Usa che spiana la strada all'ambizioso pacchetto di stimolo proposto da Joe Biden. Il mercato valutario non è rimasto apparentemente scosso dagli eventi di ieri a Washington. Opinione prevalente tra gli analisti è che un Senato controllato dai democratici premia la crescita globale e in questo modo gli asset a rischio più elevato, mentre tende a danneggiare dollaro e Treasuries che scontano un aumento del rosso sia del bilancio sia del commercio.

Il rendimento del dieci anni Usa ha superato ieri la soglia di 1%, record da marzo, con l'acuirsi della tensione politica nella capitale.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.