CAFFE’ ESPRESSO

15 ottobre 2020 - Btp ancora in rally dopo le aste.

Il rally dei governativi italiani sembra destinato a durare, stando a diversi report, sulla convinzione -- tra gli operatori sempre più radicata -- che la seconda ondata di contagi e la ripresa più lenta del previsto inducano la Bce ad agire nuovamente e presto. Segnali piuttosto chiari in questo senso non sono mancati nelle numerose recenti dichiarazioni da parte di autorevoli esponenti di Francoforte.

In un'agenda piuttosto scarna sul fronte europeo oggi le attenzioni saranno rivolte Oltreoceano alle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, con attese a 825.000 in modesto calo da 840.000 la settimana prima.

Dal G20, ieri, l'urgenza di tenere sotto controllo la diffusione dell'epidemia -- che in Europa viaggia al ritmo di 100.000 nuovi infetti al giorno contro i 51.000 in Usa oltre all'impegno di fare tutto il possibile per sostenere l'economia mondiale e la stabilità finanziaria. Secondo il Fondo monetario internazionale, l'imponente spesa pubblica, introdotta per contrastare il virus, trascinerà il debito alla cifra record di circa il 100% del Pil globale quest'anno, ma tale aumento resterebbe un evento isolato se l'economia dovesse rimbalzare il prossimo anno.

Lieve ritorno di acquisti sul biglietto verde, che ritrova almeno in parte l'appeal di valuta rifugio di fronte alla nuova ondata dei contagi, mentre sfuma - per lo meno nell'immediato - la prospettiva di un nuovo pacchetto di stimolo per l'economia.

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.