CAFFE’ ESPRESSO

31 maggio 2021 - Si apre incerta una settimana che attende i payroll.

Riferimenti per l'avvio della settimana sono 105 punti base per il premio al rischio tra Germania e Italia sul tratto decennale e dallo 0,86% del tasso del benchmark a 10 anni. Ferme oggi la piazza londinese per 'bank holiday' e quella Usa per il Memorial Day.

L'Ocse diffonde il rapporto sulle prospettive dell'economia globale, Italia compresa. Aggiornate a marzo con l'Interim Economic Outlook, le stime Ocse su Roma indicavano la crescita a 4,1% nel 2021 (4,3% l'attesa dicembre), e 4% (3,2%) nel 2022.

 

La Bce pubblica la fotografia di aprile del portafoglio dei titoli di Stato detenuti dalle banche italiane. In marzo l'ammontare era pari a 426,895 miliardi di euro, minimo da gennaio.

Nel pomeriggio sarà la volta dello spaccato settimanale sugli acquisti di Francoforte nell'ambito dei programmi Pepp e Qe.

 

Seconda la prima lettura, la produzione industriale giapponese di aprile mostra un incremento mensile di 2,5%, decisamente inferiore alle attese di 4,1%. Le vendite al dettaglio sono cresciute al tasso annuo di 12%, anche in questo caso deludendo il consensus di 15,3%.

 

E’ possibile che anche nei prossimi giorni i mercati finanziari non prendano una rotta precisa, in pochi vogliono trovarsi venerdì alle 14.29, sbilanciati, sul rialzo o sul ribasso. Il numero dei nuovi occupati negli Stati Uniti, in agenda per le 14.30 di quel giorno, è il dato che potrebbe cambiare la traiettoria delle prossime settimane, in quanto sarà basandosi su queste cifre che la Federal Reserve prenderà una decisione sul mantenimento integrale delle politiche di stimolo ultra espansive introdotte al momento dello scoppia di una pandemia che da giorni sta arretrando in modo forse decisivo. Gli economisti si aspettano un forte recupero dei nuovi occupati, dopo l’inaspettata battuta d’arresto di aprile: +624.000, da +266.000 del mese precedente.

 

Uguale influenza dovrebbe avere il dato sulle retribuzioni, altro elemento cruciale, perché dirà quanto siano disponibili a tornare al lavoro i milioni di cittadini che in aprile hanno preferito restare a casa, approfittando dei corposi assegni arrivati dal governo. La scarsa vivacità salariale è per alcuni aspetti positiva per le borse ed i mercati in quanto introduce un elemento di moderazione che tende ad indebolire la dinamica inflazionistica, offrendo alla banca centrale argomenti in più per mantenere in vigore gli aiuti.

 

Etichette: Aritmatica, Caffé Espresso |

I commenti sono chiusi.